250px-Cinqueterre0005Le Cinque Terre (Çinque Taere in ligure) sono un frastagliato tratto di costa della riviera ligure di levante situato nel territorio della provincia della Spezia tra Punta Mesco e Punta di Montenero, nel quale si trovano cinque borghi o, come si diceva anticamente, terre, qui elencati da ovest verso est: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore.

Grazie alle caratteristiche geografiche ed antropiche del territorio dove sorgono, le Cinque Terre costituiscono una delle principali attrattive turistiche della riviera spezzina, e in generale della Liguria, per il loro contesto orografico collinare naturalmente aspro ed accidentato, addolcito dalla costruzione di terrazzamenti o fasce per la coltura, che cala verso il mare con forti pendenze; nei punti in cui il mare si insinua serpentinamente nella terra sorgono i borghi, snodati a seguire la naturale forma delle colline.

L’opera dell’uomo, nei secoli, ha modellato il territorio costruendo i famosi terrazzare sui declivi a mare, dovuta alla particolare tecnica agricola tesa a sfruttare per quanto possibile i terreni posti in forte pendenza che digrada verso il mare, ne ha fatto così uno dei più caratteristici e affascinanti paesaggi della Liguria.

Nel 1997, su istanza della provincia della Spezia, le Cinque Terre, insieme a Porto Venere ed alle isole Palmaria, Tino e Tinetto, sono state inserite tra i Patrimoni dell’umanità dall’UNESCO.

La particolarità del territorio è da ricercarsi soprattutto nella natura agricola delle Cinque Terre, e nell’esigenza di ovviare alla mancanza di spazi adeguati per l’esercizio dell’agricoltura e la produzione di prodotti che anticamente servivano per il sostentamento delle popolazioni locali.

Sulle terrazze a picco sul mare le popolazioni rivierasche coltivano vitigni, sostanzialmente uve bianche come bosco, albarola, trebbiano e vermentino, da cui si ottiene produzioni vinicole di qualità come il vino DOC “Cinque Terre” ed il famoso vino liquoroso Sciachetrà.

Un’altra produzione agricola particolare della zona è sicuramente l’ulivo, con conseguente produzione di olio d’oliva. Sulla strada “Litoranea” è facile inoltrarsi in veri e propri boschi di ulivo che si trovano anche ai bordi della strada. La produzione legata alla coltivazione arborea produce anche alcuni agrumi come i limoni, da cui viene prodotta una tipica marmellata della zona. Piuttosto sviluppata è anche l’apicoltura con la produzione di miele di castagno, di acacia e millefiori.

Da alcuni anni, grazie alla collaborazione con il Consorzio del Biologico della Val di Vara, sono state sperimentate forme di formaggio stagionato nelle vinacce dello Sciachetrà, e la commercializzazione della farina di castagne della Val di Vara e c’è pure grande interesse per il gallo nero gigante.

 





Potrebbe interessarti anche:

  • VAL DI VARAVAL DI VARA La Val di Vara, parte occidentale della Lunigiana storica, è una vallata ligure, compresa quasi i...
  • MONEGLIAMONEGLIA Monèglia ( Monegia in ligure) è un comune italiano di 2.884 abitanti della provincia di Genova in...
  • VAL GRAVEGLIAVAL GRAVEGLIA È la Valle della pietra e dei Garibaldi, caratterizzata da un ambiente geologico molto ricco che ...
  • VALLE STURLAVALLE STURLA Dai mille e più metri di quota del crinale, dove si trovano le ultime malghe della Liguria, la va...
  • SANTA MARGHERITA LIGURESANTA MARGHERITA LIGURE Santa Margherita Ligure è situata sulla Riviera ligure di levante, in una conca chiusa nella part...
  • CHIAVARICHIAVARI Chiavari è un comune  di 27.295 abitanti della provincia di Genova in Liguria. Centro commerci...
Categorie: Territorio